Interrogazione Brescia/1 13/10/2008

Brescia, 13 ottobre  2008

 

 

Egr. Sig. Presidente
della Provincia di Brescia
Arch. Alberto CAVALLI
SS.SS.

 

Oggetto: Interrogazione

Il sottoscritto Consigliere Provinciale

 

Considerato che:

-                   con deliberazione di C. P. n. 8 del 13 marzo 1998 la provincia di Brescia ha approvato la convenzione  con l’Azienda Speciale Consorzio Garda Uno per la pulizia delle acque superficiali dei laghi di Garda e Idro;

-                   con deliberazione di Consiglio Provinciale n. 43 del 18.11.2002 la convenzione per l’affidamento del servizio all’Azienda Speciale Consorzio Garda Uno, ora denominata Garda Uno S.p.A., è stato rinnovato per un periodo di cinque anni ovvero dal 1.04.2003 al 31.12.2008;

-                   il corrispettivo per il servizio di pulizia si quantifica in oltre 100.000 €uro annui a favore della Società affidataria;

 

-                   la Relazione Previsionale Programmatica 2008/2010, Programma A215 Ambiente,  prevede che “Sarà […]  svolta, nell’ambito degli interventi di tutela degli ambienti lacustri e fluviali dalle compromissioni derivanti da interventi antropici, qualora non sia possibile identificare i responsabili, o conseguenti ad eventi naturali, l’attività di pulizia delle acque superficiali, il cui svolgimento é affidato, fino al 2008, alle aziende Garda Uno S.p.A. e Tutela Ambientale del Sebino S.p.A. Verrà attivata, entro il 2008, la procedura di affidamento del servizio di pulizia per i prossimi anni”;

 

-                   L’Obiettivo PEG 2008 codice 08 0797 prevede di “Assicurare un efficiente servizio di pulizia delle acque superficiali dei Laghi di Garda, Iseo ed Idro e lo svolgimento della Fase denominata “Redazione nuova convenzione per l’espletamento del servizio”, da effettuarsi entro il 31.12.2008;

 

Si chiede:

-          se l’Ufficio competente ha avviato le necessarie procedure per l’affidamento del servizio di pulizia dei Laghi di Garda ed Idro;

-          quale tipologia di affidamento intende utilizzare;

-          se intende rinnovare la convenzione attuale;

-         se intende procedere con affidamento del servizio di pulizia tramite evidenza pubblica …

 

 

Consigliere Provinciale

On. Giulio Arrighini

 

 

L’Assessore

all’Ambiente, Ecologia,

Attività Estrattive ed Energia

 

 

Brescia, 28 ottobre 2008

 

Al Consigliere Provinciale

On. Giulio Arrighini

Sede

 

 

 

Oggetto:            Risposta alle interrogazioni n° 32/2008/I e 33/2008/I, relative alla pulizia delle acque superficiali dei laghi di Garda, Idro e Iseo.

 

Con riferimento alle interrogazioni n°32 e n°33 del 13 ottobre 2008, presentate dal Consigliere Provinciale On. Giulio Arrighini in merito agli interventi di tutela degli ambienti lacustri mediante i cosiddetti “battelli spazzini”, si rappresenta che l’Assessorato ha avviato le procedure per lo svolgimento del servizio di pulizia dei laghi di Garda, Idro ed Iseo.

 

Al proposito, sono in corso contatti con la Provincia di Bergamo al fine di valutare la possibilità di una gestione del servizio attraverso un accordo con il Consorzio per la gestione associata del demanio lacuale, ovvero il consorzio fra Comuni rivieraschi che già svolge compiti di tutela del territorio lacustre, mentre per quanto riguarda il lago di Garda e di Idro sono in corso contatti con i Comuni rivieraschi interessati, onde addivenire ad una convenzione con gli stessi per la gestione del servizio.

 

Queste iniziative sono state intraprese al fine di verificare se per la gestione di questo tipo di interventi sarà possibile individuare maggiori risorse economiche, considerando anche il fatto che la Regione ha limitato nel corso degli ultimi anni i trasferimenti e che si registrano minori disponibilità da parte dei gestori attuali (informo infatti che la società Tutela Ambientale del Sebino ha già dichiarato di non poter più coprire autonomamente il 10% delle spese annue, come in passato).

 

In questa situazione si è quindi ritenuto opportuno vagliare l’ipotesi di accordi con altri soggetti pubblici che possano contribuire finanziariamente al mantenimento del servizio in questione su standard accettabili.

 

Cordialità.

 

Enrico Mattinzoli